BIO & FILOSOFIA

Filosofia

Il ristorante basa la propria idea di cucina sulla conoscenza e l’incontro della cultura italiana del sud e quella nipponica.Le connotazioni geografiche si fanno labili per lasciar parlare la tecnica e l’ispirazione che deriva dall’esperienza globale delle menti creative in cucina.

Lo chef-owner Nicola Ricci nasce a Bari e inizia a muovere i primi passi nelle cucine professionali al fianco di maestri sushi-man giapponesi che gli infondono sin da subito la passione e il rigore della cucina proveniente dall’Asia. Tra le sue passioni gastronomiche occupa un posto speciale la sperimentazione degli ingredienti, che senza perdere l’impronta originaria si trasformano e si arricchiscono, sempre con grande rispetto della tecnica tradizionale, interpretata e mai stravolta.

Italia e Giappone due nazioni geograficamente lontane, ma culinariamente vicine, si fondono concettualmente in ogni piatto.

Nicola Ricci

Laureato in Economia entra quasi per gioco in una cucina professionale.

Sin dall’infanzia viene suggestionato dalla creatività della madre, ligure, nata da genitori siciliani, unisce il suo bagaglio culinario alla cucina pugliese; lei gli trasmette la passione che diventa il filo conduttore delle sue esperienze.

É grazie al maestro Diego Shimojo, con cui lavora come apprendista in alcuni ristoranti, che il Sol Levante cattura la sua attenzione.

La tradizione giapponese ben sposa la curiosità per lo stile minimalista che gli dona una profonda cura nella presentazione dei piatti.

É la ritualità delle preparazioni,l’ affilatura dei coltelli, l’arte del taglio, la componente decisiva per la sua scelta lavorativa.

Forte delle competenze acquisite, Nicola intraprende la strada dello chef a domicilio riscuotendo fin da subito riconoscibilità nell’ambiente, una proposta lavorativa lusinghiera non tarda ad arrivare: diventare il sushiman di “Puro” ristorante specializzato nel crudo giapponese di Polignano a Mare. Successivamente si vede impegnato al fianco di Rocco Violante patron del ristorante Novecento dal quale apprende nuove tecniche e lavora materie prime del suo territorio.

La voglia di esprimere al massimo le esperienze acquisite lo spinge a realizzare un suo nuovo progetto.